domenica 21 settembre 2014

mancanze.

Noi che vi aspettiamo nudi sul pavimento gelido,
non proviamo offesa per la pelle che brucia.
E ci riscaldiamo al racconto di una sorella che ci narra le sue sofferenze usate come consolazione.
Noi che ci sentiamo soffocare dai nostri compiti di oggetti,
non proviamo offesa per i sapori del piacere.
E quasi invidiamo il fratello che ci ricorda lo strazio di dare senza contare.
Noi piangiamo il disprezzo, gettato in faccia come ciliegina e, purtroppo,
ci disperiamo quando anche il disprezzo manca.