domenica 16 novembre 2014

Le Conseguenze Tardive delle 50 Sfumature

Sta per arrivare al cinema "50 Sfumature di Grigio".
A suo tempo ho letto il romanzo e l'ho trovato semplicemente irricevibile.
La pioggia di critiche che il mondo BDSM ha rivesato sul romanzo e si prepara a riversare sul flm sono, oggettivamente, giustificate e corrette.
Il romanzo non descrive il BDSM e lo distorce completamente e ci vuol poco a dimostrare come si vada oltre la consensualità ecc ecc ecc.
Io, però, mi pongo due domande.
I vari siti di video di bondage spanking ecc ecc ecc descrivono correttamete una relazione BDSM?
Pensateci.
Poi, per favore, se ne avete voglia, pensate anche a quest'altra domanda.
L'enorme numero di lettori (ieri ed oggi) e di spettatori (domani) farà bene o male, non all'universo BDSM, ma alle Persone?
Forse devo spiegarmi meglio: non sto parlando di sdoganamento, di coming out, no.
Sto chiedendomi se il bilancio di  questo fenomeno sarà positivo o negativo per il benessere delle Persone coinvolte.
Quanti, che affronteranno una sessione da impreparati ed incoscienti correranno il rischio di farsi male?
Quanti, invece, scopriranno se stessi e si incammineranno su un percorso di consapevolezza e liberazione in sicurezza e consensualità?
Quanta gente si farà male (per errore, cretineria incompetenza) e quanta invece starà meglio, dopo?
Io non lo so e non lo so stimare.
Ma, secondo me, il fenomeno globale della trilogia più noiosa del secolo forse dovremmo metterlo a bilancio secondo questo semplice criterio:
quante persone poi staranno meglio o peggio dopo averne usufruito.
Dopodichè una cagata resta una cagata, ma è dal letame che nascono i fiori.